welcome to OPEN COMPANY ITALY
Voucher Digitalizzazione 2018-01-23
Il Voucher ha l'intendo di farvorire la Digitalizzazione dei Processi ed il Rinnovamento Tecnologico delle Micro, Piccole e Medie Imprese italiane e consentirà di coprire il 50% delle spese fino ad un importo massimo di € 10.000,00.     Cosa Finanzia Software, Hardware, Servizi Specialistici atti a: Migliorare l’efficienza; Modernizzare l'organizzazione del lavoro, tramite strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro; Sviluppare l’attività di e-commerce; Utilizzare la connettività a banda larga e ultra-larga o del collegamento alla rete internet satellitare; Implementare la Formazione del Personale nel campo Information Communications Technology. Come Accedere Si potrà presentare la domanda solo in via telematica dalla sezione Voucher Digitalizzazione del MISE, dal 30 Gennaio 2018 ore 10:00 fino al 9 Febbraio 2018 ore 17:00. Per l'accesso è richiesto il possesso della Carta nazionale dei servizi e di una casella di posta elettronica certificata (PEC) attiva e la sua registrazione nel Registro delle imprese.   Quando sostenere le Spese Le spese devono essere sostenute solo successivamente all’assegnazione del Voucher. Il progetto deve essere ultimato entro sei mesi dalla pubblicazione sul sito istituzionale del Ministero (www.mise.gov.it) del provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher. Nel caso in cui l’importo complessivo dei Voucher richiesti dalle imprese, per una determinata regione, risulti superiore all’ammontare delle risorse finanziarie disponibili il Ministero procede al riparto delle risorse in proporzione alle richieste effettuate dalle singole imprese. Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico                   
Read more...

Compensi Attività Musicali e Attività Sportive Dilettantistiche 2018-01-19
Alzato il limite del Reddito Imponibile per le collaborazioni dal 2018. Tra le tante Novità del 2018 annoveriamo l'innalzamento del limite del reddito imponibile da 7.500 € a 10.000 € per indennità, rimborsi forfettari, premi e compensi, erogati a direttori artistici e collaboratori tecnici per prestazioni di natura non professionale, o nell’esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche. Fonte: Fisco e Tasse                 
Read more...

Addio alla Scheda Carburante - Come Cambia la Deducibilità 2018-01-18
La Legge di Stabilità 2018 ha portato importanti cambiamenti anche per la Deducibilità dei costi del Carburante. Dal 1° Luglio 2018 i soggetti titolari di Partita IVA dovranno documentare le spese di rifornimento esclusivamente con fattura elettronica. Inoltre, la Deduzione del costo del Carburante e la Detrazione dell'IVA , saranno possibili solo se il pagamento avviene tramite Carte di Credito, Bancomat o Prepagate. Dalla stessa data vedremo quindi decadere la disciplina sulle Schede Carburante. Ultima novità riguarda i Gestori degli Impianti di Distribuzione, ai quali spetterà un Credito di Imposta, utilizzabile in compensaizone, pari al 50% del totale delle commissioni addebitate per le transazioni eseguite tramite pagamento elettronico con carte di credito. Fonte: Fisco e Tasse                 
Read more...

Partecipazioni Qualificate 2018-01-09
A partire dal 1° Gennaio 2018 viene semplificata la tassazione sulle plusvalenze derivanti da partecipazioni societarie, equiparando le partecipazioni qualificate a quelle non qualificate, sottoponendo entrambe a ritenuta con aliquota del 26%. Cosa Cambia Fino al 31 dicembre 2017 sulle partecipazioni non qualificate veniva calcolata una ritenuta a titolo di imposta del 26%, mentre quelle qualificate concorrevano al reddito in misura ridotta, con un’imposizione legata all’aliquota IRES come di seguito indicato:   58,14% per i dividendi dal 2017; 49,72% per i dividendi dal 2008 al 2016; 40% per i dividendi fino al 2007.   Resta in vigore la vecchia tassazione per gli utili conseguiti entro il 31 Dicembre 2017 e distribuiti fino al 2022.   Il nuovo regime si applicherà alle plusvalenze derivate dalla cessione di partecipazioni, qualificate e non qualificate, realizzate dal 1° Gennaio 2019 e agli utili percepiti a partire dal 1° Gennaio 2018.   Fonte: Fisco Oggi e Ipsoa                 
Read more...

Interesse Legale 2018-01-08
Con decreto del 13 Dicembre 2017 il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha stabilito l’aumento del saggio di interesse legale dallo 0,1 % allo 0,3 % a partire dal 2018. Ogni anno il MEF calcola il tasso di interesse in base al rendimento medio annuo lordo dei titoli di Stato, di durata non superiore a dodici mesi, e del tasso di inflazione registrato nell’anno in corso, promulgando quindi adeguamenti in caso di variazioni rispetto all’anno precedente. Attenzione! L’aumento degli interessi si riflette anche sulle somme dovute al Fisco, sia in caso di ravvedimento operoso sia per i pagamenti effettuati in ritardo.   Fonte: FiscoOggi                   
Read more...

Bonus Bebè e Figli a Carico 2018-01-05
Bonus Bebè Con la Legge di Stabilità 2018 arriva la proroga del bonus bebè per un anno. Nella versione definitiva il finanziamento verrà erogato in misura piena per i bambini che nasceranno nel 2018 (si era parlato inizialmente della metà per tre anni), per i primi tre anni di vita o di adozione, con un importo di 960,00 €/anno per le famiglie con ISEE al di sotto dei 25 mila euro e 1820,00 €/anno per quelle che scendono sotto i 7 mila. Figli a Carico Nel 2018 inoltre verrà alzato il limite di reddito per considerare i figli a carico della famiglia, passando da 2.840,00 a 4.000,00 euro, fino a 24 anni. Studenti con disturbo specifico di apprendimento Introdotta una detrazione IRPEF del 19% per le spese sostenute a partire dal 2018 a favore di minori o di maggiorenni, con disturbo specifico dell’apprendimento (Dsa) fino al completamento della scuola superiore di secondo grado. Le spese ammissibili riguardano l’acquisto di strumenti e sussidi tecnici e informatici necessari all’apprendimento, nonché di strumenti che favoriscano la comunicazione verbale e assicurino l’apprendimento delle lingue straniere.   Fonte: Fisco e Tasse                 
Read more...

Assunzioni – Sgravi Contributivi 2018 2018-01-04
Confermati con la Legge di Stabilità 2018 gli Sgravi Contributivi triennali per Assunzioni a Tempo Indeterminato. Si tratta di un agevolazione pari al 50% per i contratti a tutele crescenti o per conversioni di contratti a termine per dipendenti con: meno di 35 anni per il 2018; meno di 30 anni per il 2019; a patto che si tratti del primo contratto a tempo indeterminato per quel lavoratore.   Al sud l’incentivo arriva al 100% fino a un massimo di 3.000,00 €, per i giovani con meno di 29 anni entro 6 mesi dal conseguimento del titolo di studio, che avevano già svolto apprendistato o alternanza scuola-lavoro presso la stessa azienda; o per gli iscritti al programma Garanzia Giovani.   Se cessa il rapporto, il nuovo datore di lavoro che assumerà il lavoratore beneficerà dell’agevolazione per i mesi rimanenti fino al completamento del triennio, anche oltre i limiti di età.   Fonte: Fisco e Tasse                 
Read more...

Bonus Verde 2017-12-01
Con la manovra di Bilancio 2018 arriva il Bonus Verde; si tratta di una detrazione IRPEF del 36% sulle spese per la sistemazione delle aree verdi come: Giardini, Terrazzi, Impianti di Irrigazione, Realizzazione di Pozzi, Realizzazione di Coperture a Verde e Giardini Pensili. Il tetto di spesa cui si applicherà il Bonus Verde è di 5.000,00 € per unità immobiliare, si avrà quindi una detrazione massima di 1.800,00 € da ripartire in 10 rate da 180,00 €. Anche le spese condominiali per la sistemazione delle aree verdi in comune potrà essere portata in detrazione, sempre nella misura del 36% su un massimo di 5.000,00 € per singolo condomino. Per il momento il bonus si intende limitato all'anno 2018, salvo eventuali proroghe.               
Read more...

Fondo Futuro 2017-11-30
Fondo Futuro è un’iniziativa della Regione Lazio, volta all’erogazione di Finanziamenti di piccoli importi a Tasso Agevolato, per Microimprese già costituite o in via di costituzione e Liberi Professionisti che si trovino in una condizione di difficoltà per l’accesso al Credito Bancario ordinario. Il fondo si avvale di 31,5 milioni di euro provenienti da fondi Europei destinati a finanziare progetti di autoimprenditorialità, costituzione di nuove imprese o realizzazione di nuovi progetti da parte di imprese esistenti. I progetti definiti idonei potranno beneficiare di un prestito compreso tra i 5.000,00 € e i 25.000,00 € da restituire al tasso di interesse dell’1% per massimo 84 mesi. Fonte: lazioinnova.it               
Read more...

Detrazione IVA 2017 2017-11-29
Quando è possibile portare in Detrazione l’IVA sugli acquisti di beni e servizi? Quali sono i nuovi termini? Secondo l’Art. 19, comma 1, D.P.R. n. 633/72, dopo l’aggiornamento dell’Art. 2, D.L. 50/2017: “il diritto alla detrazione dell'imposta relativa ai beni e servizi acquistati o importati sorge nel momento in cui l'imposta diviene esigibile ed è esercitato al più tardi con la dichiarazione relativa all' anno in cui il diritto alla detrazione è sorto ed alle condizioni esistenti al momento della nascita del diritto medesimo.” Dal 2017 quindi non è più possibile portare in detrazione l’IVA riferita alle fatture dell'anno precedente. L’ammontare della Liquidazione IVA 2017 a debito o a credito, verrà determinato con la Dichiarazione 2018 (entro il 30 Aprile 2018); la Liquidazione 2018 verrà determinata entro Aprile 2019 e così via…     Esempio: Acquisto di beni o servizi nel mese di Luglio 2017; Fatturazione e Pagamento il 31 Luglio 2017; Il diritto alla detrazione sorge a partire dal 31 Luglio 2017; La detrazione potrà essere effettuata entro il 30 Aprile 2018, termine ultimo per l’invio della Dichiarazione IVA relativa al 2017.   Importante   Per effetto di questa normativa risulta fondamentale la consegna tempestiva dei documenti contabili presso il proprio commercialista di fiducia.               
Read more...

Rottamazione bis 2017 2017-11-08
Esteso l’ambito applicativo della Rottamazione delle Cartelle per i debiti dal 1 Gennaio al 30 Settembre 2017.  Gli interessati possono presentare, fino al 15 maggio 2018, il modello DA-2017.  Entro il successivo 30 giugno, l’Agenzia delle entrate-Riscossione deve inviare la comunicazione con l’importo da versare e i bollettini di pagamento in base al piano di rate indicato dal contribuente nel modello. Il pagamento è effettuabile in unica soluzione (entro luglio 2018) o fino a un massimo di 5 rate (luglio, settembre, ottobre e novembre 2018, mentre la quinta a febbraio 2019). Entro il 31 marzo 2018 l’Agenzia delle entrate-Riscossione invierà al contribuente una comunicazione per posta ordinaria sulle somme che le sono state affidate entro il 30 settembre 2017 e per le quali non risulta ancora notificata la relativa cartella di pagamento. I riammessi Lo stesso articolo 1, poi, ha previsto la possibilità di aderire alla rottamazione delle cartelle anche per coloro che in precedenza non erano stati ammessi, perché non in regola con il pagamento delle rate scadute al 31 dicembre 2016. Ebbene, i contribuenti che si trovano in questa situazione possono nuovamente richiedere l’adesione alla rottamazione, presentando all’Agenzia delle entrate Riscossione, entro il 31 dicembre 2017, il modello DA-R. Questa, entro il 31 marzo 2018, re-invierà agli interessati una comunicazione con l’importo relativo al debito pregresso non versato, che dovrà essere pagato entro il 31 maggio 2018; entro il 31 luglio 2018 l’ammontare complessivo dovuto per la “rottamazione” e le scadenze per il relativo pagamento che dovrà avvenire in un massimo di tre rate di pari importo, con scadenza settembre, ottobre e novembre. Approfondimento su come essere riammessi Come Fare Entrambi i modelli potranno essere presentati direttamente agli sportelli dell’Agente della riscossione oppure inviati, tramite posta elettronica certificata, all’indirizzo pec della direzione regionale di riferimento dell’Agenzia delle entrate-Riscossione. L’elenco degli indirizzi pec regionali è allegato al modello DA-2017 e pubblicato sul portale web. Detto ciò, con il bollettino alla mano, è possibile procedere al versamento: dal sito di Agenzia delle entrate Riscossione, attraverso l’App Equiclick, collegandosi alla sezione pagamenti e inserendo il proprio codice fiscale, il codice Rav riportato nel bollettino e l’importo. A questo punto si potrà scegliere tra molteplici operatori (banche, Poste e altri istituti di pagamento), che mettono a disposizione diverse modalità di pagamento presso gli sportelli bancari e gli uffici postali, con carta di credito o prepagata; bancomat; bancoPosta; in contanti (se l’importo è inferiore a 3mila euro), in addebito sul conto corrente (se ci si rivolge alla propria filiale) tramite internet banking e gli sportelli bancomat, utilizzando il servizio per il pagamento dei Rav (basta solo inserire il numero del bollettino) dai tabaccai convenzionati con Banca 5 Spa e nei punti vendita Sisal e Lottomatica (qui si può pagare in contanti (fino a mille euro), con il bancomat o con la carta di credito (fino a 5mila euro dai tabaccai e fino a 1.500 euro nei punti Sisal e Lottomatica). Fonte: FiscoOggi.it           
Read more...

Visto Investitori 2017-10-27
Con il disegno di Legge di Bilancio 2017, il Governo intende rendere più agevole il Soggiorno per gli Stranieri che voglio Investire in Italia; attraverso l’inserimento dell’art. 26-bis nel Testo Unico sull’Immigrazione (D.Lgs. 286/1998), infatti, viene agevolato l’ingresso e il Soggiorno in Italia per più di tre mesi. Gli Investitori verranno conteggiati al di fuori delle quote previste dall’art. 3 comma 4, che prevede una soglia massima del numero di stranieri da ammettere nel territorio dello Stato, a patto che si tratti di: Investimenti di almeno 2.000.000,00 € in Titoli di Stato, da mantenere per almeno 2 anni; Investimenti di almeno 1.000.000,00 € in “Strumenti rappresentativi del Capitale di una Società costituita e operante in Italia mantenuto per almeno due anni ovvero di almeno euro 500.000,00 € nel caso tale Società sia una Start-Up Innovativa iscritta nella sezione speciale del Registro delle Imprese”; una donazione a carattere filantropico di almeno euro 1.000.000,00 a sostegno di un progetto di pubblico interesse, nei settori della cultura, istruzione, gestione dell’immigrazione, ricerca scientifica, recupero di beni culturali e paesaggistici e che: dimostrano di essere titolari e beneficiari effettivi di un importo almeno pari a euro 2.000.000,00 nel caso di cui alla lettera a), o euro 1.000.000,00 nei casi di cui alla lettera b) e alla presente lettera, importo che deve essere in ciascun caso disponibile e trasferibile in Italia; presentano una dichiarazione scritta in cui si impegnano a utilizzare i fondi di cui al numero 1) per effettuare un investimento o una donazione filantropica che rispettino i criteri di cui alle lettere a) e b) e alla presente lettera, entro tre mesi dalla data di ingresso in Italia; dimostrano di avere risorse sufficienti, in aggiunta rispetto ai fondi di cui al numero 1) e in misura almeno superiore al livello minimo previsto dalla legge per l’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria, per il proprio mantenimento durante il soggiorno in Italia. I documenti per l’accertamento dei requisiti dovranno essere presentati secondo una procedura ancora in fase di definizione. Una volta svolti gli accertamenti verrà rilasciato un visto di ingresso con l’indicazione “Visto Investitori” che darà diritto ad un permesso di soggiorno di 2 anni, rinnovabile per periodi ulteriori di 3 anni. E’ previsto anche il ricongiungimento dei familiari a norma dell’articolo 29, i quali potranno beneficiare del “Permesso di Soggiorno per motivi Familiari” (art. 30).             
Read more...

Come Compilare la Scheda Carburante 2017-10-26
La Scheda Carburante o Carta Carburante è il documento che certifica le Spese di Rifornimento di Benzina, Diesel o Gas, e ne permette lo scarico dei costi Mensilmente o Trimestralmente. Introdotta con Legge n. 31 del 21 Febbraio 1977, e modificata dal D.P.R. 444 del 10 Novembre 1997,  ad oggi NON è più Obbligatoria SE il pagamento si concretizza con Moneta Elettronica (Carte di Credito, Carte di Debito o Prepagata) a patto che dall'estratto conto risulti Data, Importo e Denominazione del Distributore. Come si Compila la Scheda Carburante? L' Acquirente deve indicare: Dati Anagrafici: Nome e Cognome / Denominazione Attività, numero Partita IVA, Codice Fiscale e Domicilio Fiscale; Periodo di Riferimento (Mese o Trimestre); Marca e Modello del Veicolo; Numero di Targa; Km percorsi durante il periodo (solo per le Imprese). Il Fornitore deve indicare: Data del Rifornimento; Quantità e Valore del Carburante acquistato; Dati Anagrafici (come sopra); Firma e Timbro.   IVA Detraibile e Costi Deducibili IVA Detraibile: 40% se l'automezzo è destinato ad un uso promiscuo o se viene utilizzato da un dipendente per la maggior parte del tempo nel Periodo di Imposta. 100% per Agenti e Rappresentanti di Commercio o se si tratta di un Autocarro con peso superiore a 35 quintali; Costo Deducibile del Carburante: 20% per utilizzo promiscuo; 70% se il veicolo è utilizzato da un dipendente per la maggior parte del periodo; 80% per Agenti o Rappresentanti di Commercio; 100% per utilizzo esclusivo o per Autocarri con peso superiore a 35 quintali.             
Read more...

Agevolazioni per Riqualificazione Energetica 2017-10-24
Possono accedere alla Detrazione IRPEF o IRES tutti i contribuenti, anche se titolari di reddito di impresa, che posseggano a qualsiasi titolo un immobile e ne intendano migliorare l'Efficienza Energetica.   I miglioramenti da apportare ai fabbricati per accedere alla detrazione possono includere: Riduzione del Fabbisogno Energetico per il Riscaldamento; Miglioramento termico dell'edificio (Coibentazioni - Pavimenti - Infissi); Installazione di Pannelli Solari; Sostituzione degli Impianti di Climatizzazione invernali. Presupposto per usufruire della Detrazione è che gli interventi vengano eseguiti su edifici esistenti di qualunque categoria. La prova dell'esistenza del fabbricato può essere fornita attraverso l'iscrizione (o richiesta di iscrizione) in Catasto oppure dal pagamento dell'Imposta Comunale (IMU), se dovuta. Misura della Detrazione Le detrazioni, da ripartire in 10 rate annuali di pari importo, sono riconosciute nelle seguenti misure: 55% delle spese sostenute fino al 5 giugno 2013; 65% delle spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2017 per interventi sulle singole unità immobiliari; 65% delle spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2021 per interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali e per quelli che interessano tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio; 70% delle spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 per interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dello stesso edificio; 75% delle spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 per interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali diretti a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva e che conseguono almeno la qualità media indicata nel decreto del Ministro dello sviluppo economico del 26 giugno 2015 (Linee guida nazionali per la certificazione energetica).             
Read more...

Affitti Brevi e Cedolare Secca 2017-10-11
Da Luglio 2017 parte la Cedolare Secca al 21% sugli Affitti fino a 30 giorni. L’Art. 4 del D.L. 50/2017, definisce le “Locazioni Brevi” come quei “contratti di locazione di immobili ad uso abitativo di durata non superiore a 30 giorni” […] stipulati da persone fisiche […] direttamente o tramite soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, anche attraverso la gestione di portali online.” Il locatore può applicare la cedolare secca direttamente nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta nel quale è prodotto il reddito. Il reddito assoggettato a cedolare è escluso dal reddito complessivo, e su di esso non possono essere fatte valere oneri deducibili o detrazioni.  Attenzione! Non per tutti sarà conveniente scegliere la Cedolare Secca, proprio a causa dell’impossibilità di accedere a detrazioni, è consigliabile quindi chiedere consiglio al proprio consulente di riferimento e verificare caso per caso prima di effettuare la scelta             
Read more...

Voucher: nuove regole del Lavoro Occasionale 2017-10-10
Tornano i Voucher, ma cambiano le regole, dal 1 Luglio 2017, massimo 2.500 euro o 280 ore per lo stesso Prestatore, poi si passa al Tempo Indeterminato. La nuova regolamentazione del Lavoro Occasionale introdotta con l'Art. 54-bis del D.L. 50/2017, prevede la distinzione tra “Libretto di Famiglia”, per i compensi a colf, giardinieri, assistenza a domicilio,  ripetizioni dei figlio o baby sitter; ed i “Contratti di Lavoro Occasionale”, applicabili solo dalle Imprese fino a 5 dipendenti, dai Professionisti, dagli Enti No-Profit e dalle Amministrazioni Pubbliche. Con la risoluzione 81/E del 1° Luglio 2017 dell’Agenzia delle Entrate, sono state istituite le Causali Tributo per il pagamento tramite modello F24: “Lifa”, per il Libretto di Famiglia; “Cloc”, per i Contratti di Lavoro Occasionale.   I nuovi Limiti: nel corso di un anno civile (1 Gennaio – 31 Dicembre): Il Prestatore potrà ricevere un massimo di € 5.000,00 dalla totalità degli Utilizzatori; L’Utilizzatore potrà pagare un massimo di € 5.000,00 al totale dei Prestatori; Le prestazioni tra stesso Utilizzatore e Prestatore non potranno superare i € 2.500,00.             
Read more...

Bonus 2018 Investimenti Pubblicitari 2017-10-09
In arrivo nel 2018 un Credito di Imposta per Imprese e Lavoratori Autonomi che decideranno di promuovere la propira attività su Quotidiani, Periodici, Radio e TV. La novità è stata introdotta con l'Art. 57-bis del D.L. 50/2017, con l’intento di spingere le imprese e lavoratori autonomi ad effettuare Investimenti in Pubblicità per sostenere lo sviluppo e la crescita della propria attività, aumentando in tal modo anche le risorse a favore del comparto editoria. A partire dal 2018, quindi, Imprese e Lavoratori Autonomi che decideranno di investire almeno l'1% in più rispetto all'anno precedente, in Campagne Pubblicitarie con mezzi di comunicazione tradizionali, potranno beneficiare di un Credito di Imposta pari al 75% del valore di tale incremento. Percentuale che sale al 90% per Microimprese, PMI (Piccole e Medie Imprese), e Start Up Innovative.             
Read more...

CONTATTACI PER UN PREVENTIVO

Per la costituzione

di una Società

Inizia ora

CONSULENZA ON LINE

Contattaci per una consulenza on line

Ti risponderemo entro 12 ore